che hanno vissuto e goduto, di questo paese … e lo hanno dimenticato.

STORIA impressionante del senatore ITALIANO.

«Ero a Caracas … Essere a Caracas è l’inferno di Dante» si avvicina alla porta dei peccatori peggiori che, per inciso, non sono residenti, e molta sofferenza, ma i suoi leader degli ultimi circoli descritto nel suo primo cantata poeta fiorentino. Venezuela, un paese che prometteva di diventare Qatar Sud America, oggi sempre più su Haiti.

Persone colpevoli.? Fare soffrono paura e incertezza.? Tutte classe politica venezuelana e, in particolare, Chavez, che ha il ruolo di primo piano in questa tragedia.
Dopo dodici anni in carica, è riuscito a dividere, la società divisa in due: il fanatismo ideologico da Chavez mistica (chiamati «collettivi «) e la sofferenza di un regime autoritario, sordi e incompetente che opprime e perseguita chiamato per me «le vere vittime». Ma poi, quando sottoposto a molte persone che soffrono inspiegabile, mostrati urla, altoparlanti, la voce di coloro che cercano giustizia e di equità. Sono generalmente giovani, in particolare studenti (per non citare qui per altri esempi conosciuti in tutto il mondo). Ho parlato quasi due ore con uno dei leader del movimento di barricate (guarimbas, li chiamano laggiù) tutti i giorni, blocchi metà e metà del paese Caracas.
Gaby Arellano sostiene che sono nelle strade per protestare e in possesso di gas, colpi e colpi (39 morti finora) e gli arresti, naturalmente, semplicemente per «svegliare» la classe politica dell’opposizione venezuelana di agire e giustizia rivendicazione per il Venezuela, che non è in questo momento. Uno studente di storia presso l’Università delle Ande, quando gli viene chiesto se ha paura, lui risponde: «Certo, ma oggi in Venezuela hanno le stesse probabilità di essere feriti in un vicolo barricata nella violenza di strada criminale, da insicurezza. «In Venezuela nel 2013 ci sono stati 24.000 decessi a causa di insicurezza. La popolazione totale supera i 30 milioni.
Continua dicendo che l’opposizione politica è ora seduto e parlare con il presidente Nicolas Maduro, perché possono farlo solo, parlare e ottenere molto poco in termini di fatti, non rappresenta i manifestanti, è per questo che non può promettere la licenziamento delle barricate, e che gli studenti che non soddisfano la stella in loro. Così nella tabella di dialogo sit «chat» Maduro e il suo, Capriles e altri oppositori riuniti al MUD (tavolo con due sole gambe come una sedia, anzi, unità democratica) e la Chiesa cattolica, attraverso il nunzio vaticano a Caracas (facendo Dio sa che c’è) e il «ineffabile» UNASUR inventato molto tempo fa da Chavez e composto dai clienti petrolio venezuelano. Tutti loro staccato dalla gente comune, che vive una fantasia che solo riuscito a perdere più tempo.
In tale tabella non sono, e qui è il problema: gli studenti, Leopoldo Lopez, leader dell’opposizione e prigioniero in isolamento, Vincenzo Scarano, sindaco di San Diego carcere nel caso in cui, il capo della polizia di San Diego, Salvatore Luchesse, e molti altri prigionieri del regime. Né Corina Machado, deputato, passo spinto l’Assemblea nazionale che è stato eletto con voto popolare per tradimento, per aver osato parlare male del regime al OAS. La violazione dei diritti umani a Cuba, mi spiace per il periodo in Venezuela, è una cosa di tutti i giorni e per tutto il tempo. Uccisioni di colpi alla testa sparati da cecchini (il governo ha tutte le chiavi delle terrazze di Caracas per «questioni di sicurezza», contusioni e altre lesioni causate da gas lacrimogeni (fabbricati in Brasile), Alla reclusione per dubbi, espropriazione di beni, aziende e industrie pagato un piccolo prezzo, l’obbligo di coda per acquistare il più fondamentale per ore e, infine, il fanatismo di una gran parte della popolazione da Chavez, che è anche la violenza, dal momento che per loro tutti gli altri sono sporchi fascisti servizio dell’Impero.
Ho camminato per le strade di Caracas, e le piazze, ho fatto un’ora e mezza di coda per comprare la carta igienica, olio e zucchero insieme Dona Rosalia, sul blocco di un negozio squallido, la cui porta era una cura «militante» la piccola merce era all’interno del Francisco de Miranda Avenue, nel cuore della città. Ben presto mi sono trovato in un bar nelle vicinanze con un amico per un caffè, Giuseppe Celeste, proprietario di una casa gas società denominata Toro, a Caracas, azienda di famiglia fondata dal padre, che mi ha detto piangendo come un bambino verrebbero espropriati in fretta ed è venuto l’avviso, e secondo le stime ottimistiche del governo avrebbe pagato a rate di circa $ 400.000 per esso, quando in realtà valore di $10 milioni. Exprópiese!
Dopo il caffè amaro con Giuseppe, è andato a Plaza Altamira e ha iniziato a leggere la didascalia con la storia di ciascuna delle fotografie delle 39 persone (in quel momento e dal 10 febbraio) sulle barricate. Immagini collocati sul pavimento, ai piedi di un monumento al signor Koch, uno degli eroi del paese. Poi ero in Piazza Bolivar Simon ascolto di un uomo che arringava una ventina di persone che hanno ascoltato sotto un gazebo in pieno pomeriggio per continuare la rivoluzione bolivariana, in uno strano spagnolo. Quando è stato chiesto chi fosse, ha sorpreso il pubblico ha risposto, «L’uomo, non lo sai.? E’ l’ambasciatore iraniano in Venezuela. Avevo paura prima l’intelligenza venezuelano nelle mani di consulenti cubani si rese conto della mia presenza.
A pochi metri di distanza si trova la casa natale di Simon Bolivar, padre del nostro paese, se risvegliato, probabilmente sarebbe non credere così tanti strani propaganda politica generata dalle persone, piuttosto che fatto per le persone. Oh, e io ero in Parlamento, chiamato Assemblea Nazionale. Lavorare quando convocato dal presidente Maduro e in questi giorni, di solito il martedì, i deputati dell’opposizione, solo che deve andare disarmati. Un cartello ci dice «pistola spazio». Ho parlato con i politici del partito al potere e l’opposizione e discorsi ascoltati inconciliabili da alcuni negatori della realtà (ad esempio, l’inflazione annua del 60 %) e qualche altro desiderio che questo governo terminare presto. Entrambi contrari possibile alla realtà.
Di notte, ho provato a mangiare qualcosa in un ristorante molto bello nelle vicinanze pesce e frutti di mare presso l’Ambasciata italiana nella zona residenziale di Chacao. Per fortuna sono stato in grado di pagare in euro, dieci volte cambiare l’ufficiale. Per avere un’idea di quello che dico, il dollaro ufficiale è scambiato a 6,40 e sul mercato nero a 64 Bolivar. Mentre si mangiava solo rivedere ciò che ha vissuto in quei giorni, ascoltando il rombo di petardi barricate e ha visto colonne di fumo dai pneumatici in fiamme, oltre la soppressione del rumore.
E ‘questo il governo ha creato il Ministero della suprema felicità.?